lunedì 4 dicembre 2017

Per una lista ampia, di classe, con un programma d’alternativa

Pubblicato 5 dicembre 2017





 Risoluzione del Coordinamento Nazionale del 1 dicembre


Il Coordinamento Nazionale di Sinistra Anticapitalista, riunito a Chianciano il1 dicembre 2017,
  1. Approva i contenuti della Risoluzione della Direzione nazionale del 20 novembre
  2. Prende atto dell’evoluzione del dibattito politico che si è prodotto nelle ultime settimane tra le forze politiche della sinistra in preparazione delle prossime elezioni politiche e che ha determinato le possibilità della costruzione di una lista alternativa ampia e unitaria, radicale nei suoi contenuti antiliberisti e potenzialmente in parte anche in quelli anticapitalisti.

venerdì 17 novembre 2017

Lavorare gratis per far guadagnare qualcun altro

ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO 

 Scarica il volantino in formato PDF


Un dato incontrovertibile per quanto riguarda le riforme emanate dai governi degli ultimi anni in materia di istruzione è la progressiva tendenza all’aziendalizzazione della scuola pubblica e alla mercificazione del sapere e della conoscenza. Le proposte contenute all’interno di quella che il Governo Renzi-Gentiloni beffardamente chiama “Buona scuola” si muovono infatti tutte in questa

mercoledì 15 novembre 2017

Dalla parte della Casa Internazionale delle Donne a rischio sgombero

 


Apprendiamo con grandissimo sconcerto della decisione della giunta Raggi di Roma di inviare una ingiunzione di pagamento degli affitti arretrati dello stabile gestito dalla Casa Internazionale delle Donne o in mancanza di rimborso immediato , dello sfratto .

martedì 14 novembre 2017

Risoluzione della Direzione Nazionale di Sinistra Anticapitalista sulle Elezioni




1. L’esperienza del Brancaccio di Alleanza popolare si è bruciata nel giro di pochi mesi. Le buone intenzioni e le speranze erano molte, la partecipazione alle assemblee locali significativa, le discussioni sul programma interessanti, ma il progetto era indefinito, si reggeva su molte ambiguità e conteneva troppe contraddizioni politiche che rapidamente sono emerse.

lunedì 9 ottobre 2017

Ilva, proposta indecente

Presidio alla portineria D ILVA Taranto
Manifestazione operi ILVA Genova
di Sinistra Anticapitalista Taranto
Nella siderurgia si sta giocando l’ennesima guerra delle concentrazioni, per mantenere e magari conquistare quote di mercato. E’ quello che sta avvenendo fra Thyssen Krupp e Tata (il primo gruppo tedesco, il secondo indiano), che fondendosi costituirebbe una produzione di oltre 41 ml di tonnellate (produzione 2016). In quest’ottica rientra l’operazione Mittal – Marcegaglia, anche se la proporzione fra il primo gruppo e il secondo è notevole, a favore del secondo. Solo Mittal ha una produzione di 95,45 ml di T..

sabato 23 settembre 2017

Listone guazzabuglio o alternativa di classe?

di Franco Turigliatto
 Tutto il dibattito politico appare ormai proteso verso lo scontro elettorale della prossima primavera con le tre forze maggiori, Pd, Partiti delle destre e M5S a sgomitare tra loro per arrivare nelle migliori condizioni, sviluppando una vergognosa campagna reazionaria sulla pelle dei migranti e attivando la divisione dei lavoratori. Sono tre forze del tutto interne alle logiche del sistema capitalista che si candidano a gestire il liberismo e gli affari della borghesia, come più volte abbiamo avuto modo di raccontare.

martedì 20 giugno 2017

COMUNICATO SULL'ASSEMBLEA DEL 18 GIUGNO

Pubblicati  20 giugno 2017

Roma Assemblea del 18 giugno

Lo svolgimento dell’assemblea del 18 giugno “Alleanza Popolare per la democrazia e l’uguaglianza” convocata sulla base dell’appello di Anna Falcone e Tomaso Montanari, ha messo in luce ancora una volta i limiti e le ambiguità delle forze della sinistra italiana confermando la scelta della nostra organizzazione a non aderirvi.

domenica 4 giugno 2017

Ilva: dal commissariamento alla provocazione

04/06/2017
di Sinistra Anticapitalista Taranto  



La provocazione fatta dai due gruppi siderurgici che voglioni aquisire le aziende ILVA, AM investco Italia (Arcelor-Mittal) e Da Accia Italia (Jindal), è veramente forte. Facciamo il punto sulle proposte di acquisto degli stabilimenti ILVA del fu patron Riva.

mercoledì 31 maggio 2017

NON SOSTENIAMO NESSUNO

Comunicato di Sinistra Anticapitalista Taranto sulla prossima scadenza elettorale amministrativa

Questa tornata elettorale cade in un periodo molto delicato della città: è in corso la vendita dell’ilva  ed ancora non si conoscono bene gli effetti che essa avrà sull‘ occupazione, vi è un grosso problema sanitario ed ambientale e un profondo disagio sociale e culturale.
Come sezione di Taranto abbiamo tentato da più di un anno di aprire un confronto politico di discussione con forze politiche di sinistra alternative al Pd.  La nostra idea è che  si debba partire da un percorso comune almeno di discussione e di iniziative  pubbliche, per poi arrivare ad una lista elettorale. Con alcune organizzazioni politiche non è  stato possibile a causa di profonde divergenze politiche, con altre per la loro indisponibilità  agli incontri anche dopo ripetute richieste.

domenica 28 maggio 2017

Quando si fa il "rivoluzionario" a zona geografica

Scorri i raggruppamenti alle ultime elezioni di Roma e vai a qullo di Giacchetti per il PD, troverai il "rivoluzionario" Bonelli, il quale a Taranto spara contro l'ILVA, chiamando il Pd in tanti modi. Uno dei più dolci è "venduto".Mentre poi a Roma si allea col Pd che certo, non è assolutamente migliore... Anzi!
Ci rivolgiamo soprattutto a chi crede in questo personaggio che ne ha fatto di tutti i colori: liberatevi da questo peso. Diciamo a Fornaro, candidato sindaco, verso il quale abbiamo una certa simpatia per il danno che ha subito e alle ingiustizie che ha dovuto far fronte, non hai bisogno di questo personaggio che cambia il suo modo di agire in base alle sue esigenze. D'altra parte, a Roma non è molto considerato. Alle ultime elezioni ha totalizzato lo 0,49% mentre a Taranto lo beatifichiamo.

 copia e incolla nella striscia degli indirizzi
http://www.elezioni.comune.roma.it/elezioni/2016/comunali/A062016/sinlis99.htm

sabato 27 maggio 2017

Manchester, Mediterraneo. Contro ogni forma di barbarie, ovunque

Pubblicati  26 maggio 2017

 Patriarcato, liberismo, integralismo e razzismo sono inestricabili e si alimentano tra loro a spese dell’umanità. Restiamo umani, ossia internazionalisti. E rifiutiamo le stragi di innocenti come forma di dichiarazione politica. E’ per questa ragione che saremo tra coloro che manifesteranno contro il G7. La barbarie è sempre espressione di un programma reazionario. 


3fd9ad01776dc86af50d55b0db821240-2687-k8tH-U10901390802278SII-1024x576@LaStampa.it 
di Checchino Antonini
Strage di ragazzine a un concerto pop a Manchester, strage di bambini nel Mediterraneo. Barbarie infinita che ha mostrato in poche ore la sua faccia più feroce sterminando persone innocenti, inermi, diversissime tra loro, da un capo all’altro dell’Europa.

lunedì 22 maggio 2017

Vaccini: facciamo tornare la scienza dalla parte giusta

Pubblicato 22 maggio 2017

 L’eliminazione del vaiolo è una delle grandi affermazione dell’umanità che ha richiesto il coinvolgimento di intere generazioni. Perché questo è tanto più difficile oggi? Perché gli interessi che si celano dietro la sanità sono diventati insopportabili, perché la scienza è stata assoggettata agli interessi del profitto



Certamente Facebook non è il contesto giusto per discussioni difficili; sicuramente ci sono argomenti che vanno trattati con il dovuto rigore scientifico; sicuramente va rispettato il dolore di chi soffre, o ha sofferto, brutte patologie in prima persona o di chi ha visto soffrire propri congiunti. Tuttavia, avendo avuto nella mia attività scientifica molteplici occasioni di lavorare in campo immunologico, mi sembra doveroso intervenire nella querelle sui vaccini che attraversa i social. Ciò mi interessa non solo per confutare posizioni sbagliate, ma anche per capire come mai si diffonda lo scetticismo sulle vaccinazioni.

venerdì 19 maggio 2017

Istat: la classe operaia c’è ma non sa di esserlo


Nel rapporto annuale il film di un paese sempre più povero e disuguale. Perdita dell’identità di classe. Dinamiche sociali determinate dalla doppia assenza di partito e sindacato






di Checchino Antonini


“Scompaiono la classe operaia e la piccola borghesia, aumentano le disuguaglianze”: il titolo del giornale più letto in Italia non lascia scampo alle interpretazioni, si dice che l’Istat avrebbe detto che è sparita la classe operaia. In realtà il Rapporto annuale dell’istituto nazionale di statistica dice ben altro e lo leggeremo insieme. Dice, ad esempio, che le dinamiche della crisi e del mercato del lavoro stanno aumentando la disuguaglianza, che la mobilità sociale è una chimera, che le donne sono più sfruttate degli uomini, che la povertà si espande, che i giovani non hanno futuro se non i figli di papà.

lunedì 15 maggio 2017

La velenosa palude italiana

Pubblicati su anticapitalista.org 12 maggio 2017             di Franco Turigliatto

 Il governo che segue è sempre peggiore di quello che l’ha preceduto. Si può invertire questa legge non scritta del liberismo? Non possiamo finire nella ridotta della scelta tra Macron e Le Pen, ma neanche in quella tra Renzi e Grillo, con Salvini a raccoglierne i marci frutti


Le vicende dell’ultimo decennio hanno messo in luce in Italia, ma anche in Europa, una nuova implacabile legge politica: il governo che segue è ancora peggiore di quello che l’ha preceduto, sempre più antioperaio, liberista, guerrafondaio e liberticida. Sono gli imperativi della concorrenza capitalista e delle politiche liberiste che, da un governo all’altro, moltiplicano gli attacchi delle classi dominanti alle condizioni di vita e ai diritti delle classi popolari.

sabato 29 aprile 2017

Per un Primo maggio di lotta contro i padroni [volantino]



Non dimentichiamoci che il primo maggio è la giornata in­ternazionale di lotta delle lavoratrici e dei lavoratori, sim­bolo della battaglia delle classi lavoratrici contro un sistema di sfruttamento, oppressione, ingiustizia, violenza e guerra: il capitalismo.